Vai al contenuto

Quale vino rosso è il più sano?

Quale vino rosso è il più sanoAnni fa, si pensava che l’alcol avesse solo un effetto negativo sulla salute umana. Negli anni Novanta, tuttavia, è stato dimostrato che può avere anche effetti positivi. Tuttavia, vale la pena di sapere quale vino è sano e quali quantità non avranno un impatto negativo sulla vostra condizione.

La scelta del vino dipende principalmente dalle preferenze personali e dai piatti serviti. È stato dimostrato, tuttavia, che il rosso è il migliore per la salute – è fatto con uva intera (insieme a semi e buccia) e quindi contiene molto più antiossidanti rispetto alla sua controparte rosa o bianca.

Che tipo di vino è sano?

Il vino bianco è sano? O il rosso è meglio? Come abbiamo già detto, il vino più sano è il rosso, il più secco, proveniente dalla Borgogna. Tuttavia, ha un gusto astringente caratteristico, che non si addice a tutti. I vini bianchi, pressati solo da polpa d’uva, sono ugualmente preziosi nonostante il loro basso contenuto di antiossidanti. Entrambi i tipi di questo alcol hanno quantità simili di sostanze nutritive (calorie, carboidrati, zuccheri, così come micro e macroelementi: manganese, magnesio, vitamina B6 o fosforo).

Sia il vino bianco che quello rosso sono una buona scelta in termini di salute. Vale la pena notare, tuttavia, che la varietà rossa contiene più potassio, ferro e riboflavina che il bianco. È interessante notare che è stato dimostrato che lo spumante ha un effetto simile al rosso sul corpo umano. Qual è il suo effetto?

Il vino è salutare per il cuore? Effetti positivi del bere vino

Questa bevanda, bevuta in quantità ragionevole, può aiutare tutto il corpo. Innanzitutto, bere vino rosso (grazie al suo elevato contenuto di antiossidanti, alcol compreso) permette l’eliminazione dei radicali liberi, che sono i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare e dello sviluppo del cancro.

Il vino facilita anche la digestione (per questo motivo, molto spesso viene servito durante i pasti) e aiuta a combattere i disturbi dell’apparato digerente. Il contenuto di alcol permette un aumento dell’apporto di sangue all’intestino e, di conseguenza, un migliore assorbimento delle sostanze nutritive. Bere vino aiuta anche a ridurre il rischio di calcoli nella cistifellea e sostiene il pancreas. Migliorando la funzione organica e circolatoria e l’effetto diuretico, aiuta il corpo a purificarsi dalle tossine.

È stato dimostrato anche l’effetto battericida del vino. Inoltre, permette la regolazione del sistema cardiovascolare (anche in ipertensione), riduce il rischio di aterosclerosi e migliora il sistema immunitario. Grazie all’alto contenuto di ferro, il vino rosso secco evita l’anemia. Inoltre, ha un effetto diastolico e aiuta a ossigenare il corpo. La bevanda supporta anche la regolazione dei livelli di zucchero nel corpo e il lavoro delle ghiandole endocrine. Le ricerche dimostrano che il consumo regolare di vino rosso, grazie al suo alto contenuto di resveratrolo, rallenta la demenza e allevia anche i dolori articolari.

Vino sano – quali sono le quantità adatte?

Anche se è stato dimostrato che il vino è sano e ha un effetto benefico sul corpo umano, non deve essere usato come panacea – un agente per combattere tutte le malattie. È anche importante ricordare che bere troppo alcol può essere controproducente, quindi la dose massima è di 1-2 bicchieri di vino leggero al giorno (per un adulto sano). L’abuso di alcol porta con sé molti rischi, quindi perché un “brindisi alla salute” si rifletta nella realtà, non si dovrebbe superare una dose ragionevole. L’alcool è assolutamente vietato alle donne incinte!

Bere vino è completamente sano? Rischi

L’articolo di cui sopra non è inteso a promuovere il bere come prescrizione medica per una lunga vita in salute. Va ricordato che il vino (anche il più sano – rosso secco) può avere molti effetti negativi. Questi includono, tra l’altro, disturbi nell’assorbimento di vitamine come D e C, così come il carico epatico e, di conseguenza, il rischio di cirrosi. Ci può essere anche un eccessivo consumo di alcolici – secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, esso supera il numero di 10 bevande standard (un bicchiere di alcol al 12%) a settimana. Il consumo regolare di alcol può portare alla dipendenza, così come a danni al cervello e agli organi interni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *